Conimatica

Conoscenza Informatica

DominaPC – DEVI avere il controllo del computer

Chi vuole diventare un Conimatico Superiore?

 

Che cavolo dice Alessio questa volta?
E’ questa la domanda che ti sei fatto/a?

 

Se No, allora leggi cosa è un Conimatico, magari potrebbe interessarti.

Se Si allora leggi cosa è un Conimatico e… basta.

 

Cosa è un Conimatico? E’ un Conoscitore Informatico (mi scusino le donne, ma se inizio a fare la differenza di genere per ogni parola che scrivo finisco domattina) un Conoscitore Informatico è quella persona che ha seguito uno dei miei corsi:

  • perché ne aveva bisogno,
  • o perché non conosceva la basi dell’informatica di consumo
  • o perché aveva tempo da perdere e lo ha impiegato così
  • oppure un Conimatico è una persona che non aveva bisogno dei miei corsi perché era già a conoscenza di quegli utilizzi base degli strumenti informatici.

Ok? Bene, e adesso passiamo all’azione.

 

Quando ho iniziato questa avventura il mio solo scopo era rivolgermi a quelle persone, passami il termine, leggermente rimaste indietro nell’uso dell’informatica, così da poter selezionare per bene i miei utenti e poterli plasmare con i miei insegnamenti, che sia chiaro: è un metodo per imparare l’uso dell’informatica che può essere valido come tanti altri, solo che con me ti diverti 😉

Scherzi a parte, il metodo Conimatica prevede che tu riesca a capire una cosa molto semplice: hai TU in mano il potere del dispositivo, non è lui ad avere in mano te. E tanto meno devi farti dominare dall’uso che fai del dispositivo. Devi TU dominare ciò che c’è dentro al dispositivo.

 

Una cosa che ripeto sempre a chi viene ai miei corsi è che: basta leggere.
La maggior parte delle volte puoi risolvere un dilemma informatico semplicemente leggendo ed interpretando i messaggi che il tuo terminale, che sia smartphone o computer, ti invia.

 

Bene, un Conimatico deve aver ben chiaro questo concetto: basta leggere.

 

Se sei nella categoria di persone che ha capito questo semplice concetto (e lo applichi) allora puoi diventare un Conimatico Superiore: continua a leggere queste righe.
Se non lo sei…la soluzione per te si chiama SoftwareAmico, vai alla pagina di SoftwareAmico, chiama o manda un messaggio, verrai ricontattato entro brevissimo tempo.

 

Cosa può imparare un Conimatico Superiore?

(altro…)

A che serve avere la conoscenza informatica?

A che serve avere la conoscenza informatica?
Serve a realizzare, non per forza opere d’arte, ma soluzioni e compiti

Noi, voi, tu non conoscerai mai l’informatica, nemmeno io.
Cioè nessuno che si occupa realmente di informatica, si occupa di conoscere un software di utilizzo finale, come te e come me.
Chi fa informatica, chi la studia, è quello che crea lo strumento che stai utilizzando in questo momento, una specie di deo…

 

Quindi capiamoci, tu qui vieni ad imparare, ma direi più a fare esperienza informatica, a cercare soluzioni e capire cosa puoi fare TU utilizzando l’informatica.

 

Lo sai che la maggior parte delle truffe informatiche parte proprio da un click dell’utente? cioè il tuo? cioè TU?

L’obiettivo di Conoscenza Informatica è quello di rendere fattibile quello che ora ritieni “fattibile ma mi manca che qualcuno mi dice qualche passaggio…” rendendoti autonomo sui 4 Pilastri di Conimatica.

Se te li vuoi vedere e leggere allora è meglio che vieni al Corso. Perché questo è un invito.
La classe potrebbe essere numerosa come no, ma considero ideale una classe da 12 persone. Quindi per ora ci sono 12 posti disponibili.

 

Il Corso è il risultato dell’applicazione pratica dei miei programmi precedenti, e le tecniche imparate nelle mie ultime esperienze, come Flipped Classroom e Metodo Metacognitivo.

 

Quindi, detta in maniera semplice: vuoi imparare ad utilizzare al 100% il tuo computer, tablet, smartphone, facendo e capendo cose che non credi siano possibili?

Allora chiamami al 3398323157
Vanno bene anche i messaggi SMS e WhatsApp!

 

E voglio essere anche più buono!
Ti metterò a disposizione tutta la mia sfilza di pagine ed indirizzi utili per risolvere i problemi con il tuo PC. L’unico report in grado far stramazzare al suolo d’invidia che ti crede un eretico informatico.

 

I primi 12 iscritti riceveranno nella loro casella di posta il report.
Diventa uno di quelli!

Che cosa mi serve di te?
La tua e-mail, se vuoi il tuo numero di telefono.

Che cosa farò con la tua mail? Ti aiuterò con consigli preziosi nei mesi a venire. Con lettere come questa.

 

Pardon, intendevo e-mail.

 

A questo punto ti chiederai “ma chi cavolo è questo?”
Beh se stai leggendo fino a qui, significa due cose:

– O mi conosci
– Oppure ho catturato la tua attenzione

In ognuno dei due casi, è molto probabile che Conoscenza Informatica possa farti venire fuori quelle conoscenze che già hai, ma non riesci a far fruttare. Ed io mi occupo da ormai 15 anni di formare persone nell’utilizzo del computer e vari altri strumenti.
Io non sono uno al quale piacciono le etichette.

Ma mi rendo conto che sono necessarie, quindi per scardinarle cerco di utilizzarle tutte, per farti capire: tecnico, supporto, formatore digitale, IT manager, Network Manager, Web Manager, Cad Design, Grafico, operaio.
L’unica etichetta che mi sento vicina è questa, operaio.
Sono un operaio dell’informatica.
Che però insegna ad altri operai come fare meglio.

 

Le mie esperienze parlano per me, ho utilizzato, ed il più delle volte anche insegnato ad utilizzare, software di diverso tipo, dai più semplici ai più complessi.
E so cosa serve a te, per poter fare quel passo in più che desideri.

 

Sia chiaro, non diventerai un grafico o un esperto di reti.
Per fare quello si va a scuola: conoscere cosa sia un pennello non fa di te un artista, come non fa di te un bravo tinteggiatore.
Studiare, fa di te un bravo tinteggiatore. E studiare nel mondo del lavoro significa: fare.

 

Un bravo tinteggiatore è colui che ha fatto tantissimi lavori di quel genere. Ed è diventato un professionista.
Quindi conoscere che cosa sia un programma di grafica non farà di te un grafico, se tu non lo sei.
Ma potrebbe renderti un piccolo artigiano.
O semplicemente farti risparmiare qualche spicciolo.

Non hai mai tinteggiato la tua casa in autonomia?
Non hai mai cucito le tende di casa tua?
Non hai mai montato un mobile a casa?

 

Sai benissimo che alcune cose le farai fare ad un esperto quando sei nel tuo ambiente personale, a casa.
Ma sai anche benissimo che molte altre le farai tu.

Il computer merita di essere conosciuto anche per questo: per poter utilizzare la tecnologia in un’ottica attiva, non passiva.

Non devi accettare per forza di trovarti nella situazioni in cui dici: “il mio telefono fa così [mostra il problema senza una connessione logica tra gesti e parole] , vabbè quando arriva [la persona che risolve sempre i tuoi problemi informatici] glielo faccio vedere”.

 

NO!

 

Puoi usare Conoscenza Informatica per capire tutto questo.

 

Iscriviti a Conoscenza Informatica, l’unico corso che rende indipendenti le persone nell’utilizzo del computer, l’unico corso che veramente ti permette di mettere in pratica quello che hai in testa.

Chiama il 339.83.23.157 per iscriverti

Se non vuoi chiamare, manda un messaggio tramite WhatsApp.
Non usi WhatsApp?
Manda un SMS al numero 339.83.23.157 e verrai ricontattato in pochissimo tempo.

 

Ricorda:
Manda un messaggio con su scritto VOGLIO ISCRIVERMI e verrai ricontattato in pochissimo tempo.

Cosa aspetti allora?

Chi vuole imparare ad utilizzare il computer?

Ricorda chiama il 339.83.23.157
Ciao

Conimatica, Conoscenza Informatica

Alessio Mascagna
Presidente di Conimatica

 

——————
« L’informatica non riguarda i computer più di quanto l’astronomia riguardi i telescopi. »
(Edsger Wybe Dijkstra)
——————

PCAmico

PCAmico dura 20 ore, ogni sabato dalle 10:30 alle 12:30.

[I bambini sanno già tutto di informatica appena nascono.]

Sei d’accordo con questa affermazione? Io per niente, e se hai cinque minuti ti spiego anche perché.
Quando mi sono messo in testa di inventare la prima associazione che potesse fornire conoscenza informatica a tutte le persone inesperte, mi è venuto naturale pensare alle persone anziane ed a quelle persone che non potevano, per un motivo o per l’altro, imparare in maniera autonoma le basi del PC.

 

Certo non è bello messa così: sopratutto se sei una persona giovane non è bello, perché sembra che io voglia paragonarti a chi è molto più avanti con l’età rispetto a te, e certo non è bello se sei una persona che lavora un sacco di tempo, perché sembra che io voglia farti passare da persona svogliata.

 

In realtà la mia è assoluta buona fede, io non mi voglio mettere su nessun piedistallo, e non voglio affatto puntare il dito su nessuno. E’ solo un dato di fatto che io credevo fosse così… ma mi sbagliavo!

 

In questi tre anni di esperienza mi sono reso conto che il computer NON è quell’aggeggio che io pensavo fosse, cioè una macchina diffusa a livello planetario che è immediatamente comprensibile a tutti quanti. In realtà il computer è una macchina che, seppur facile da imparare ad utilizzare, ha bisogno di tempo per essere capita.
E non tutti hanno il tempo sufficiente per imparare da soli.

 

Per questo i corsi di Conimatica hanno avuto un buon successo di pubblico: perché le persone riescono a dare il tempo a quella cosa, riescono a ritagliarsi quelle 4 ore a settimana per venire nell’aula informatica ad ascoltare uno che insegna loro le “best practice”, ossia le buone norme, le giuste vie, per non perdere tempo a risolvere i loro dubbi informatici.

 

Colui che insegna queste pratiche, cioè io, non è più intelligente o vecchio o migliore di loro, anzi… io ho solo avuto una vita che si è svolta perlopiù davanti ad uno schermo (vabbè passami l’espressione) e quindi statisticamente conosco di più del mondo del computer rispetto a te.

 

Se tu volessi imparare a costruire mobili di legno dove andresti? Probabilmente andresti “a bottega” da un falegname che si occupa prevalentemente di quello, cioè costruire mobili, e cercheresti di carpire i suoi segreti o di farteli insegnare. Ecco Conimatica funziona più o meno alla stesa maniera: vieni a fare pratica ed a capire cosa è possibile fare con il computer.

 

Ora ti starai chiedendo: ma che c’entra il discorso iniziale sui bambini?
Te lo spiego subito: qual’è la grande differenza tra una persona adulta che esegue un tipo di lavoro, per esempio il falegname che si occupa di mobili, ed un ragazzo alle prima armi, diciamo di 18 anni, che esegue lo stesso mestiere?

 

Ovviamente l’esperienza. Niente come l’esperienza permette di capire come si svolge un compito nel modo giusto, oltre ovviamente allo studio.

Tu non ci crederai, ma i bambini che vedi smanettare con i vari computer, smatphone, tablet e varie altre attrezzature elettroniche sono più avanti di te solo perché lo fanno in maniera più continuata, hanno la possibilità , passami l’espressione, di perdere più tempo lì davanti.

E quindi di conseguenza conoscono il mezzo più di te, trovano più velocemente ciò che gli serve e sanno in automatico dove toccare e cliccare quando si presenta loro un quesito sullo schermo.

(altro…)

Il computer non mi servirà mai…

Ecco quello che molte persone pensano, ed a dire il vero non hanno tutti i torti.

Non te l’aspettavi che anche io la pensassi così, vero?
Esistono persone che effettivamente sono libere da questo vincolo, che hanno un lavoro affatto informatizzato, oppure una vita che è lontana anni luce dall’utilizzo del computer.

 

Sia chiaro, succedesse a me sarei un pesce fuori dall’acqua, ma ad alcuni succede. Bene a queste persone dico: Buona Fortuna, e che la vita sia sempre così per te, divertiti e fa in modo che le persone intorno a te siano felici.

 

A tutti gli altri, quindi anche a te, però devo dire che si sbagliano. Tu, ti sbagli se pensi che la tua vita sia lontana dall’utilizzo del computer o dell’informatica in genere. Anche solo di riflesso, anche solo per qualche minuto al giorno, la tua vita è in un brodo informatico.
A volte in un lago….e si sa, i laghi non tengono a galla i bagnanti anzi, spesso li risucchiano in gorghi e mulinelli. E tu sei vicino a quel mulinello.

 

Voglio portarti una storia che qualche tempo fa un mio amico mi raccontò.

 

C’era una signora, anzi una maestra, ancora giovane, e quindi ben lontana dalla pensione (non è il genere di storia “la pensionata ha fatto un casino”) che per i suoi lavori in classe amava portare ai suoi alunni delle schede di lavoro da lei compilate, o meglio disegnate, dove i ragazzi e ragazze potevano svolgere degli esercizi particolari, cose che sul libro di testo non erano presenti.

 

Era una maestra innovativa rispetto a tutte le sue colleghe, perché riusciva sempre ad avere queste “dispense”, come le chiamava lei, personalizzate secondo il suo gusto. Spesso inventava dei disegni, degli esercizi, ed il giorno dopo arrivava con questi fogli da dare ai suoi alunni. Stampati con i suoi disegni, le sue schede, le sue idee.

 

Ok dirai, che ci vuole? Basta scrivere su un foglio l’esercizio, scriverlo prima in brutta e poi in bella, fotocopiarlo per il numero di alunni, ed il gioco è fatto.

 

Certo, sarebbe così facile se tu abitassi in città, con qualche decina di negozi che fanno fotocopie nell’arco di 100 metri, oppure sarebbe facile se tu fossi uno o una che sa disegnare molto bene.

 

L’inconveniente è che la nostra maestra, non abita in città, ma in un paesino un po’ sperduto, e per di più anche molto lontano dal centro abitato.
Esiste solo un negozio che fa fotocopie nel suo paese, e neanche le stanno molto simpatici i titolari.

 

In più la nostra maestra è una di quelle che le prendono i raptus di creatività, a qualsiasi ora. Spesso dopo cena.
Hai mai provato a fare delle fotocopie dopo cena, in un piccolo paese, d’inverno? E credi che la mattina i negozi aprano come nelle città alle 07:30 per venire incontro alle esigenze dei clienti lavoratori di quell’ora?

 

Te lo puoi scordare.
In un paesino i negozi aprono alle 09:00 di mattina, chiudono alle 19:00 e fanno pure la loro sacrosanta pausa pranzo.
Cioè: quando la maestra smette di lavorare il negozio è chiuso.

 

Torniamo alla nostra storia: la maestra inventa una scheda alle 19:00 di sera spaccate, grazie ad uno dei suoi raptus creativi…e la mattina dopo arriva con un plico di fogli da dare ai suoi alunni.

 

Sai perché? Perché la signora in questione ha un figlio di 16 anni che, sebbene non sia appassionato di grafica e non la stia studiando, riesce a far funzionare gli strumenti informatici che ha casa: uno scanner, un computer, una stampante.

 

La maestra ignora completamente anche il fatto che lo scanner e la stampante siano all’interno dello stesso dispositivo (Si, esistono Scanner che sono anche Stampanti, si chiamano all-in-one), lei non si preoccupa affatto di come quei fogli vengano composti. Lei disegna ed inventa, il figlio scansiona e stampa.
Una squadra perfetta.

 

Ora ti faccio un trucchetto. Lascia la Maestra dove si trova, congelala.

Saltiamo nel tempo di un paio d’anni.
Adesso la maestra non arriva più a scuola con le fotocopie, ha rallentato molto la sua attività extra, ed i suoi ragazzi eseguono gli esercizi come tutti gli altri delle altre classi: sul libro di testo.

 

Cosa è successo?

 

è successo che il figlio della maestra, ha deciso di andare a frequentare un liceo linguistico, molto importante e soprattutto lontano da casa. Quindi non torna ogni sera nella sua cameretta, resta lontano anche per interi mesi, in un’altra città.

 

La maestra sa che dentro casa sua esistono strumenti che le permettono di avere quella vita professionale che la soddisfa, come succedeva tempo fa, ma non riesce a capire un granché di quello che fa: il computer quando si accende chiede delle cose che lei non aveva mai visto, chiede di rispondere ad una domanda alla quale lei non sa rispondere, e sebbene l’unica azione possibile in quel messaggio sia “Premere il tasto OK”, lei ha paura.

 

Nonostante la paura però ci ha provato, una volta ha premuto OK ed è riuscita ad entrare all’interno del computer.
A quel punto però le si è posto un altro problema: quale è il programma che consente di attivare lo scanner? Ma soprattutto: una volta trovato il programma ed eseguita la sua prima scansione, non riesce a capire dove sia finita l’immagine che ha acquisito.

 

Passa qualche settimana, lei lascia stare. Si organizza con una copisteria del paese (fare le fotocopie a scuola al giorno d’oggi non sempre è agevole) ed anche se il suo lavoro non è come quello di una volta, è abbastanza soddisfatta.

 

Certo, quando suo figlio la aiutava i disegni erano molto più carini, le scritte fatte con il computer erano molto più ordinate, ma in fondo va bene così. Finché la copisteria del suo paese continua a funzionare.

 

Quando il figlio torna in pochi minuti ritrova il materiale che lei aveva scansionato, le spiega cosa era successo e come mai non riusciva più atrovare nulla, ed in quattro e quattr’otto le compila la scheda come lei desidera. Ordinata, pulita, ben definita. Quindi questo sembrerebbe il lieto fine, il figlio ritorna e risolve il problema.

Peccato però che non finisce così, perché ci sono due problemi:

Il primo problema è che il materiale ritrovato non le serve più adesso, perché corrisponde ad un lavoro di qualche settimana prima. Ed ora è completamente inutile.

 

Secondo problema: arriva una grande notizia, suo figlio è stato ammesso in un college inglese! Partirà per sei mesi, tornerà per pochi giorni e poi di nuovo altri sei mesi. Questo giro durerà per almeno tre anni.

è a questo punto che la maestra, definitivamente, ha abbandonato l’idea di lavorare con le schede da lei inventate. Si rassegna, sarà una maestra uguale a tutte le altre.
Ed ecco che siamo arrivati ad oggi, a due anni dopo.

 

Ok, fine del congelamento.

 

Adesso puoi assaporare la delusione di quella donna che metteva tanta passione nella creazione di materiali originali per i suoi alunni.Certo la colpa è sua, non è obbligatorio utilizzare il computer per comporre le schede, ci si può organizzare tranquillamente in mille altri modi, ma che cosa ha perso soprattutto la nostra Maestra?

 

Te lo dico io: la sua libertà.

 

E’ legata ad altre persone per portare a termine qualcosa che vorrebbe fare come vuole lei, e non è più libera di svolgere le sue lezioni come vuole.
Non è mai stata autonoma, ed ora ne paga lo scotto.

 

Vuoi essere legato agli altri nell’utilizzo del computer?
Vuoi buttare via tempo inutile ad attendere che qualcun altro si occupi di realizzare le tue idee?

 

Se le tue risposte sono entrambe NO, allora non perdere tempo.

 

Iscriviti a Conoscenza Informatica, l’unico corso che rende indipendenti le persone nell’utilizzo del computer, l’unico corso che veramente ti permette di mettere in pratica quello che hai in testa!

 

Chiama il 339.83.23.157 per iscriverti

 

Se non vuoi chiamare, manda un messaggio tramite WhatsApp.
Non usi WhatsApp?
Manda un SMS al numero 339.83.23.157 e verrai ricontattato in pochissimo tempo.

 

Ricorda:
Manda un messaggio con su scritto VOGLIO ISCRIVERMI e verrai ricontattato in pochissimo tempo.

 

Cosa aspetti allora?

Chi vuole imparare ad utilizzare il computer?

Ricorda chiama il 339.83.23.157
Ciao

Conimatica, Conoscenza Informatica

Alessio Mascagna
Presidente di Conimatica

Conoscere un programma considerato da ufficio, è inutile?

Più vado avanti nel tempo e più mi rendo conto quanto le parole siano importanti. Una semplice parola messa nel punto giusto riesce a scoraggiare le persone per anni, per decenni.
E se non ci fossi io, per sempre.

Quando parlo di programmi per ufficio la prima reazione delle persone, gliela leggo in faccia, è: ma io non ho un ufficio, a cosa mi servono?

Effettivamente chiamarli programmi da ufficio è svantaggioso, perché non è vero che sono da ufficio, ma da personale per ufficio.
Però detta in questa maniera non mi piace, preferisco farti un esempio reale

Quando ho iniziato ad insegnare l’informatica di base, la Conimatica, mi sono rifatto al programma della maggiore certificazione europea in ambito informatico di base, cioè la ECDL©.
Non sai cos’é ECDL©?  Molto semplice: è la Patente Europea del Computer; in sostanza una certificazione che permette a te, ed a chi ti sta intorno, di fidarsi abbastanza delle tue competenze informatiche al punto che è possibile affidarti dei compiti, e dei ruoli, che prevedano l’uso del computer.

 

Non è una certificazione da super esperti, né da programmatori o da geni del PC, sia chiaro. E’ l’equivalente della patente dell’automobile, cioè certifica che sei abile ed in grado di non creare disastri quando sei “al volante”.

 

Ovviamente, come purtroppo vediamo tutti i giorni, non è detto che chi consegue la patente automobilistica poi non causerà incidenti o morti sulla strada, ma perlomeno si presume che chi guida con la patente abbia la cognizione di quello che sta facendo. Non sarà mai un esperto di guida sicura, o guida sul ghiaccio, o un pilota.
La ECDL funziona alla stessa maniera: una volta conseguita puoi dire di conoscere abbastanza il computer da non commettere quei macro errori che derivano dall’ignorare le regole base.

 

Quindi nel momento in cui ho inventato Conimatica mi sono chiesto: le persone che guidano le automobili, prima di prendere la patente, avranno avuto qualche esperienza su strada? Avranno guidato almeno una volta prima della “prima volta” insieme a qualche parente o amico? Avranno avuto un motorino o una bicicletta prima dell’automobile?

La risposta è un si ad almeno una di queste tre domande, perché tutti prima di prendere la patente automobilistica abbiamo:
a. Camminato su una strada, anche solo a piedi
b. oppure Guidato insieme ad un amico o parente, per fare pratica
c. oppure Abbiamo avuto un ciclo, che sia bicicletta o motorino

 

Allora perché non cercare di preparare le persone “decisamente a digiuno dall’informatica” a capire quanto sia importante conoscere l’utilizzo di uno dei mezzi più diffusi sulla Terra?
Attenzione, ho detto mezzo. Perché considero il computer un mezzo della nostra immaginazione, creatività, genialità.

Noi ancora non lo percepiamo, ma la nostra era sarà nominata in futuro come Rivoluzione Digitale, simile alla vecchia Rivoluzione Industriale di tre secoli fa. Vale la pena viverla per quello che è, e per quello che offre.

Torniamo a noi. Perché all’inizio di questo testo ti ho parlato di programmi per ufficio? E cosa c’entrano questi con la certificazione ECDL?

 

Devi sapere che nel mondo dell’informatica si considerano i programmi in base alla loro destinazione d’uso, quindi siccome i computer sono spessissimo utilizzati negli uffici, dai più piccoli ai più grandi, per automatizzare e velocizzare operazioni ripetitive ed evitano un sacco di perdite di tempo, è stato coniato il nome programmi da ufficio.

 

Non ci vuole molto ad immaginare come sarebbe la vita se, tutte le volte che dovessi inviare una lettera ad un fornitore, ricordati che stiamo ancora parlando di uffici, la dovessi scrivere a mano, prima in brutta e poi in bella. Rischiando di commettere errori ortografici o meno, rischiando che la tua calligrafia non venga ben interpretata. Rischiando che la penna finisca l’inchiostro! 😉

Ma bisogna anche tenere presente che mediamente in un ufficio vengono svolti sempre gli stessi compiti:
a. scrivere qualcosa
b. calcolare qualcosa
c. cercare qualcosa
d. navigare in internet cercando qualcosa

Quindi nel tempo le case produttrici dei software hanno ottimizzato le loro creazioni orientandole verso gli uffici, verso le esigenze di questi particolari clienti.
Non è un caso che i due maggiori programmi in questo ambito riportino la parola “Office” nel loro nome  (sono MS Office e LibreOffice).

 

Per questo nel programma ECDL è scontato che siano presenti un programma per scrivere, uno per fare calcoli in maniera strutturata, l’utilizzo delle cartelle e dei file, e le basi per una buona navigazione in internet.

 

Ma sai cosa causa questo? Diffidenza nell’utilizzare il computer da parte di quelle persone che non ritengono di avere un ufficio. Si pone immediatamente una barriera appena nomino “programmi da ufficio”, solo per questa semplice definizione.

Quindi se preferisci chiamarli programmi da lavoro, fai pure.

La domanda a questo punto che dovresti porti è: che cosa c’entra tutto questo con me?
Come posso usare dei programmi che sono orientati agli uffici se io non ho un ufficio, e soprattutto, non ho bisogno di averne uno?

 

E’ molto semplice in realtà, cerca di pensare in maniera pratica: ti sarà capitato di navigare in internet, giusto?
E scommetto che il più delle volte che navighi in internet trovi qualcosa che vorresti leggere più avanti, non subito, magari su un bel foglio di carta come ai vecchi tempi.
Con un carattere grande secondo i tuoi desideri, e soprattutto senza quelle pubblicità che passano ogni dieci secondi.

Quanto ti piacerebbe prendere quel testo che vedi sul web, copiarlo su un foglio e stamparlo? Allora ti serve un programma per la video-scrittura, perché oltre che scrivere, questi programmi permettono di impaginare e di stampare.

 

Altro esempio? Il più banale e semplice: hai delle utenze a casa tua? Nel senso acqua, corrente elettrica, gas? Penso di si. Quanto ti piacerebbe avere una rappresentazione dei tuoi consumi, in base al periodo dell’anno o in base ad un limite monetario che ti sei auto-imposto? Che sia una tabella o un grafico? A volte anche i conteggi possono avere un loro stile, che rispecchia le tue idee.

Potremmo continuare all’infinito con questo tipo di esempi, solo la tua immaginazione è il limite all’utilizzo del PC. E qualche conoscenza di base che potresti acquisire con il corso Conoscenza Informatica.

 

Quindi non fartelo dire oltre:
se la tua necessità è rimanere al palo e non conoscere nulla di tutto questo, abbandona pure queste pagine.

 

Ma se vuoi conoscere come il computer possa cambiare la tua vita ed aiutarti nella vita di tutti i giorni:

Iscriviti a Conoscenza Informatica, l’unico corso che rende indipendenti le persone nell’utilizzo del computer, l’unico corso che veramente ti permette di mettere in pratica quello che hai in testa.

Chiama il 339.83.23.157 per iscriverti

Se non vuoi chiamare, manda un messaggio tramite WhatsApp.
Non usi WhatsApp?
Manda un SMS al numero 339.83.23.157 e verrai ricontattato in pochissimo tempo.

Ricorda:
Manda un messaggio con su scritto VOGLIO ISCRIVERMI e verrai ricontattato in pochissimo tempo.

Cosa aspetti allora?

Chi vuole imparare ad utilizzare il computer?

Ricorda chiama il 339.83.23.157
Ciao

Conimatica, Conoscenza Informatica

Alessio Mascagna
Presidente di Conimatica

Come fanno i virus ad entrare nel computer?

Di solito sei proprio tu ad averlo fatto entrare.
Ma prima di tutto fammi dire una cosa, c’è una sorpresa per te alla fine di questo articolo.
Non è un regalo o un’offerta, è una sorpresa e basta.

Detto questo, come pensi che dovrei rispondere alla domanda del titolo?

In realtà ci sarebbe da fare un centinaio di distinguo prima di rispondere ad una domanda del genere.
Cioè: quelli che comunemente indichiamo come virus sono spesso una variante, molto spesso sono trojan. Il nome trojan deriva esattamente da quello che stai pensando.
Da Troia. Nel senso il Cavallo di Troia. Perché hanno lo stesso scopo, entrare a tradimento.

In questa sede non ti spiego che cosa sono i trojan o i virus o i malware, o tutte le varie accezzioni che si possono avere, ma voglio porre l’attenzione sulla domanda “cosa ho fatto per prendermi un virus?“, cioè una della domande più frequenti che mi vengono poste da chi ha problemi con il computer.

Quando la gente comune, non tecnici, mi dice “ho preso un virus” in realtà mi sta dicendo che il suo computer, molto spesso il programma di navigazione in internet (il browser) sta aprendo delle finestre indesiderate.
Così si ritrovano siti aperti senza il loro volere, immagini equivoche, o richieste di aggiornamenti/download poco chiare.

Altre volte il problema è molto più grave della semplice apertura di finestre indesiderate, ma la sorgente dell’inconveniente è spessissimo la stessa: il tuo mouse. O meglio il clic che hai fatto con il tuo mouse su quella finestra “che è venuta fuori da sola”. Il fatto che sia venuta fuori da sola, ti deve insospettire. Far accendere un piccolo segnale di attenzione.

La regola numero 1: non cliccare mai su ciò che non conosci.
Spesso nelle nostre navigazioni ci imbattiamo in messaggi promozionali, o altre volte in “avvisi sulla sicurezza” del nostro computer, che ci raccomandano di scaricare questo o quel programma (tool) per mettere in ordine il PC (to Fix, detto in inglese) o per velocizzarne le prestazioni.

Posso affermare che mai, ripeto mai, ho trovato uno di questi messaggi veritiero. Queste finestre che appaiono, mirano solamente ad installare qualche piccolo programma all’interno del tuo computer, qualche programma che nella migliore delle ipotesi vi cambierà la pagina iniziale di navigazione (spesso sostituendola con una quasi identica a quella di Google) mentre nella peggiore delle ipotesi…largo alla fantasia. Ogni cosa è possibile quando si parla di truffe.

Perché è questo che si configura: una truffa.

Tuttavia non devi allarmarti, non è questo il momento di parlare di sicurezza informatica. Questo è il momento di essere consapevoli ed attenti, quindi adesso sai che:

  • Le finestre che appaiono all’improvviso senza che tu le abbia richieste, molto spesso sono tentativi di raggiro.
  • Facendo attenzione a queste, quindi non cliccando su di esse in maniera compulsiva, puoi notare che hanno tutte un piccolo pulsante, spesso nascosto tra la grafica, che serve a chiuderle. Solitamente una X.

I più attenti diranno: ma se questi malintenzionati camuffano un pulsante di “azione” come un pulsante di chiusura? Cioè cercano di ingannare la mia interpretazione di pulsante di chiusura? Come faccio a capire se quello che sto per cliccare è veramente un pulsante di chiusura?

In realtà è abbastanza semplice, basta aprire gli occhi: posizionando il puntatore del mouse su una di queste finestre “malevole”, o comunque sospette, solo posizionandolo, si può leggere in basso a sinistra della nostra finestra principale (quindi quella che contiene tutto durante la navigazione) un indirizzo, che sarà sempre diverso a seconda della finestra, del tipo http://sonounsitoqualsiasi.com/xcxcxvvb/qualcosa.

Questo indirizzo è quello che il tuo computer raggiungerà se cliccherai su quel punto della finestra.
Attenzione, questo comportamento è normalissimo per il tuo browser: infatti qualsiasi link visualizzerà sempre l’indirizzo che ti farà raggiungere nel caso in cui cliccherai su di esso. E’ una delle basi della sicurezza in internet.

Ma puoi capire benissimo che se ti trovi su un sito con indirizzo: http://www.lebellecose.it , e posizionandoti su un link qualsiasi ti accorgi che quel link ti condurrà ad un indirizzo del tipo: http://www.Xero_viagra.com , o qualsiasi altra cosa non inerente all’argomento del sito, è molto probabile che quel link sia un tentativo di farti “abboccare”.

La buona notizia è che nessun pulsante di chiusura dovrà mai visualizzare un indirizzo di questo tipo.
Perché appunto è un pulsante che serve ad “evocare” la funzione “chiudi finestra”, è un comando. Non è un link, cioè un collegamento ad un altro sito internet, quindi:
Se posizionando il mouse su un pulsante di chiusura di una finestra indesiderata, ti accorgi che quel pulsante visualizza nella finestra del browser, in basso a sinistra, un indirizzo web, allora quello NON è un pulsante di chiusura.

Cercalo in un altro punto della piccola finestra (popup, viene chiamata di solito), e vedrai che troverai il pulsante di chiusura.

Un po’ nascosto ma lo troverai.

Sorpresa!!!

Io consiglio sempre di aguzzare l’ingegno, ti svelo il trucco segreto che potrebbe tagliare la testa al toro:

Premi la combinazione di tasti sulla tua tastiera: tasto CTRL + W, per chiudere la finestra del browser,

oppure taglia la testa al toro e premi CTRL + il tasto F4, sempre sulla tastiera, per chiudere completamente il browser.

Queste combinazioni ti permettono di bypassare il problema del clic, ma solo quello!

Non credere di poterti liberare da eventuali infezioni così ;-)CiaoAlessio Mascagna
creatore di Conimatica

Parliamo di Patente Europea (ECDL)

Parliamo di Patente Europea per il Computer

logo-ecdlLa Patente Europea per il Computer (ECDL) è un’attestazione fornita da AICA (unico soggetto autorizzato a fornire la suddetta patente) che certifica le tue competenze di utilizzo del computer in ambito ufficio, in maniera “non disastrosa”.

Puoi conseguirla anche da sol@, senza alcun corso.
A questo link http://www.ecdl.it/ trovi la maggior parte delle informazioni di cui hai bisogno.

Adesso cerco di spiegartele io, se hai 3 minuti.

In pratica la patente europea certifica che sei in grado di scrivere testi, approcciarti ai fogli di calcolo, alle presentazioni, sei capace di navigare in internet senza cadere in ovvie truffe, sai gestire una comunicazione di base via mail, e soprattutto che sei in grado di NON distruggere in maniera grossolana i documenti nel tuo computer. O il computer del tuo posto di lavoro.

Come si consegue è semplice, puoi iniziare in pochissimo tempo, quello che serve è:

  • Un test center autorizzato (spesso sono scuole, altre volte strutture professionali per questo tipo di attività)
  • Pagare un bollettino al test center (su ogni sito di ogni test center è specificato il numero di CC sul quale versare il denaro) che ti permette di avere la tua Skill Card (in realtà la Skill Card è virtuale, si trova in rete, ma non è importante questo, quello che è importante è avere il numero della Skill Card)
  • Pagare un bollettino con l’importo per l’esame o gli esami che intendi svolgere in quella data sessione.

Poi andare alla struttura il giorno dell’esame. Ed azzeccare tutte le domande. Anzi almeno l’80%.

Ti starai chiedendo: Ma non devo fare un corso prima? La risposta, anche se mi viene contro, è NO!
Puoi tranquillamente studiare a casa tua, in internet, seguendo alcuni siti che permettono di fare simulazioni di esami. Se sei una persona che lavora gia da tempo con il computer ti troverai molto bene, gli esami non sono molto difficili.

Il parallelo con la patente dell’auto è giusto: quando hai preso la patente non sapevi, e forse ancora non lo sai, guidare sul ghiaccio, giusto? In questo caso non ti viene richiesto di essere un programmatore, ma ti viene chiesto di svolgere operazioni considerate “all’ordine del giorno”.

Sono 7 Moduli, che spaziano dalla conoscenza della struttura del computer (fisica), alla struttura logica, l’elaborazione dei testi, fogli di calcolo, presentazioni, internet e sicurezza in rete. Potresti anche dare 7 esami in un giorno se la struttura lo permettesse. E se tu fossi in genio.
Io ho potuto conseguirla dando il primo giorno 4 esami ed il secondo 3 esami. Non sono un genio…

Ogni Modulo conseguito viene automaticamente caricato sulla tua skill card, in rete.
Al termine dei primi 4 avrai conseguiti la ECDL Basic, al settimo esame avrai la ECDL Advanced.

Passiamo ora ai link utili:
Sito di AICA : http://www.aicanet.it/
Sito della ECDL (più utile e diretto del primo) : http://www.ecdl.it/
Sito per fare simulazioni ECDL : http://www.studentville.it/test_e_quiz/ecdl/

Praticamente non ti serve altro, la tua patente è ad un passo.